Pages Menu
TwitterYouTubeInstagramRssFacebook
Categories Menu

Posted by on nov 30, 2013 in autunno, torte | 2 comments

Castagnaccio alla toscana

Castagnaccio alla toscana

Il Castagnaccio è uno dei dolci o forse il dolce più toscano che ci sia, tipico sopratutto a Firenze che prende il nome di “patona”. Ci sono però altre versioni in altre regioni d’Italia come in Emilia Romagna, Ligura e Piemonte.

L’ingrediente principale, la farina di castagne, (che trovo molto cara e non facilissima da reperire dove vivo a Bologna), è sempre presente, variano in genere le piante aromatiche come rosmarino e finocchio e come viene cotta.

Il Castagnaccio è un dolce povero Autunnale, facile e velocissimo. Se usate la farina di castagne gluten-free è un dolce adatto anche ai celiaci. Se volete altre info su questa ricetta gluten-free e sulla cucina per celiaci potete chiedere a MariaCristiana, “La cuoca celiaca“. L’abbinamento con la ricotta e zucchero è un’idea molto azzeccata del blog: Rock and Food di un’ amica.

Buona domenica!!!

Castagnaccio

Castagnaccio
Author: 
Recipe type: Dessert
Cuisine: Italian
Prep time: 
Cook time: 
Total time: 
Serves: 6/8
 
Utensili indispensabili: teglia da forno rettangolare di metallo, anche usa e getta di cm.26×37 circa
Ingredients
  • 500 g di farina di castagne (io ho usato farina di marroni) chiamata anche farina dolce
  • 500 g di acqua
  • 50 g di olio extravergine di oliva toscano
  • 80 g di uvetta sultanina
  • 60 g di pinoli
  • un rametto di rosmarino
  • un pizzico di sale
Instructions
  1. versare in un recipiente la farina di castagne setacciata, aggiungere l’acqua, il sale e mescolare molto bene affinché non si formino dei grumi
  2. mettere a bagno in acqua tiepida l’uvetta
  3. ungere una teglia con l’olio, versare l’impasto, livellarlo all’altezza di un centimetro e cospargerò con l’uvetta ben asciugata, i pinoli ed aghi di rosmarino
  4. irrorare con un filo d’olivo e infornare a 200 ° per 15 minuti circa
  5. servire il castagnaccio con una crema di ricotta e zucchero
  6. può essere servito sia tiepido che freddo.
Notes
Vino consigliato da Marco:
[b]Malvasia del Vigneto Terre Rosse Vallania [/b]

 

2 Comments

  1. @Zonzolando: allora si accettano consigli e variazioni. Buon Natale, Marica

  2. Sarà che son di parte visto che son toscana, ma lo adoro! Nelle sue mille declinazioni e varianti, questa compresa :-) Baciotti

Post a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rate this recipe: