Salsa piccante messicana

La salsa piccante di origine messicana è una salsa perfetta per gli aperitivi.

La salsa messicana è chiamata “Salsa Ranchera“, in genere si serve con i nachos o con le tortilla di mais, è tipica della cucina Tex-Mex.

La salsa originale è preparata con il peperoncino-jalapeno. I peperoncini jalapeno sono originari del Messico e hanno una lunga storia che risale alle civiltà precolombiane. La loro diffusione è avvenuta principalmente grazie alla cucina messicana, che li ha resi popolari in tutto il mondo. I jalapeno sono peperoncini di medie dimensioni, solitamente lunghi tra i 5 e i 9 cm, con una forma leggermente conica e una punta arrotondata. La loro superficie è solitamente liscia, ma può presentare delle caratteristiche “craquelure” o striature, che indicano una maggiore maturazione del peperoncino. I jalapeno possono variare di colore dal verde al rosso, a seconda della maturazione, e presentano un grado di piccantezza moderato sulla scala di Scoville.

La salsa piccante messicana potete anche usarla per condire un burger, del pollo e delle costine di maiale.

Buon aperitiVO !

 

 

Salsa piccante messicana

  • 400 ml polpa di pomodoro ((meglio pomodorini freschi))
  • mezza cipolla (optionale)
  • mezzo peperone rosso
  • mezzo peperone giallo
  • 1 peperoncino fresco
  • 2 cucchiai aceto (meglio umebosci )
  • 1 cucchiaino zucchero
  • 3 gocce tabasco
  • q.b olio extravergine d'oliva
  • q.b sale
  • q.b pepe
  1. Tritate finemente la cipolla e il peperoncino. Pulite il peperone rosso e quello giallo, togliete i semi e le parti bianche interne che risulterebbero amare e tagliateli a cubetti abbastanza piccoli. Ne andremo ad utilizzare solo mezzo di ognuno, se preferite potete usarne solo uno rosso o uno giallo. Mettete due cucchiai di olio extravergine di oliva in una padella grande e fateli scaldare poi unite la cipolla e il peperoncino tritati. Fate cuocere per un paio di minuti in modo che la cipolla inizi a dorare e aggiungete la polpa di pomodoro, il peperone giallo, quello rosso, l’aceto e lo zucchero. Mescolate e fate cuocere per circa 10 muniti.

  2. Aggiungete un pochino di sale e pepe e aggiungete anche il tabasco (non esagerate perché è molto forte). Fate cuocere la salsa piccante ancora per 10 minuti circa mescolando ogni tanto e lasciando la fiamma abbastanza bassa. Quando la salsa piccante sarà completamente cotta toglietela dal fuoco. Prendete dei barattoli e sterilizzateli in una pentola di acqua bollente per 20 minuti circa. Togliete i barattoli dall'acqua con le pinze e asciugateli bene. Mettete la salsa piccante nei barattoli ancora calda, chiudete il coperchio e capovolgetela.

  3. Quando la salsa sarà completamente raffreddata mettete i barattoli avvolti in un canovaccio (così non sbatteranno bollendo) in una pentola coperti di acqua bollente e fate bollire per 20 minuti circa. Togliete i barattoli dalla pentola e fateli raffreddare. Facendo in questo modo dovrebbe essersi creato il sottovuoto, se invece non si sarà creato mangiate la salsa piccante subito o comunque entro una settimana circa tenendo il barattolo in frigo.

  4. Varianti e consigli:

    Se volete potete non mettere il tabasco. Attenzione al peperoncino che utilizzerete, ce ne sono alcuni fortissimi quindi uno intero potrebbe essere troppo. Se volete potete utilizzare anche peperoncino in polvere invece di quello fresco.

No Reviews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *