Soufflé al Provolone Valpadana DOP dolce

Il Soufflè al Provolone Valpadana dolce DOP con l’acciuga e spinacino è una ricetta che esalta il contrasto della cremosità e dolcezza del formaggio Provolone Valpadana DOP dolce con la sapidità dell’acciuga.

Questo Soufflè al Provolone Valpadana DOP dolce, con l’acciuga e spinacino è una ricetta per partecipare alla sfida gastronomica : L’Armonia degli opposti per il progetto del Consorzio Provolone Valpadana DOP, “Choose your taste Sweet or Spicy” di cui l’Associazione Italiana Food Blogger è partner, AIFB.

Il Provolone Valpadana DOP sia dolce che piccante si contraddistingue per il suo marchio, una coccarda attaccata alla corda che sostiene la forma: una forma gialla e scritta verde. La coccarda reca le scritte “Provolone Valpadana Reg. (CE) 1107/96” Lo stesso logo è visibile anche su tutte le confezioni di prodotto posto in vendita.

Il marchio D.O.P. si  aggiunge e accompagna quello del Provolone Valpadana di colore giallo e rosso.

Il formaggio Provolone Valpadana DOP nasce nella Valle Padana verso la seconda metà del secolo XIX dal felice connubio tra la cultura casearia delle “paste filate”, proveniente dal meridione d’Italia, e la vocazione lattiero-casearia del territorio. La storia del Provolone Valpadana continua nel 1861, quando l’unificazione d’Italia rende possibile il superamento delle barriere tra le diverse aree della penisola e, quindi, l’insediamento di imprenditori provenienti dal meridione, che avevano trasferito nelle province di Piacenza, Cremona e Brescia le proprie attività produttive. È ancora oggi in queste zone che si procede alla produzione del Provolone Valpadana.

Il tempo minimo di stagionatura previsto è correlato al peso delle forme e alla caratteristica del formaggio: dieci giorni per le forme sino a 6 kg, trenta giorni per le forme oltre i 6 kg e nella tipologia dolce, mentre parte da novanta giorni il tempo minimo necessario per la stagionatura della tipologia piccante.

Il Provolone Valpadana dolce viene prodotto principalmente in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige, attraverso un processo di lavorazione del latte di vacca che comprende le fasi di filatura e stagionatura.

   

Soufflé al formaggio Provolone Valpadana dolce DOP

Soufflè salato al formaggio Valpadana dolce DOP con acciughe e spinacino

  • stampi per soufflé di 10 cm di diametro
  • 4 uova (freschissime, meglio se biologiche)
  • 100 g di Provolone Valpadano DOP dolce (grattugiato grosso)
  • 60 g di burro
  • 60 g di farina
  • 400 ml di latte intero fresco
  • 4 filetto di acciughe (sott'olio)
  • 15 foglie di spinacino (pulito e sminuzzato)
  • q.b. di sale e pepe (macinato al momento)
  • q.b. burro e farina per gli stampi
  1. Incominciate ad imburrare ed infarinare gli stampi. Per la prima operazione, se la possiedi, usa una grattugia a fori grandi, così avrai dei fiocchi leggeri che non appesantiranno la preparazione. Per gli stampi, dopo averli imburrati per bene e infarinati, scuotendo via l'eccesso, pulite il bordo passando tutto intorno un pezzo di carta da cucina. Lasciate un centimetro libero, così il soufflé gonfia meglio.

  2. Scaldate il burro in una pentola abbastanza capiente, aggiungete la farina appena è sciolto e mescola bene, un minuto, per cuocere il tuo roux (questa è una preparazione di base, deve cuocere ma nel nostro caso restare chiara). Iniziate a versare il latte a filo,mescolando con una frusta, sino a che sarà tutto incorporato. Aggiungete il sale ed il pepe, quindi cuocete per 3 minuti e poi togliete dal fuoco. Mentre raffredda il composto coperto da pellicola, accendete il forno a 180° C (ventilato).

  3. Separate i tuorli dagli albumi. Montate gli albumi a neve con un pizzico di sale e sbattete i tuorli con una forchetta in una ciotola, poi incorporate i tuorli alla besciamella tiepida, aggiungete un po' di pepe, il formaggio grattugiato, lo spinacino e infine gli albumi, cercando di mescolare delicatamente per non sgonfiare il tutto. Ripartite negli stampini con un cucchiaio, quindi infornate e cuocete per 25 – 30 minuti, sino a che saranno gonfi e dorati.

  4. Decorate i Soufflé con una acciuga arrotolata e serviteli subito, nei loro stampi, perché si sgonfiano subito con il freddo.

  5. Servite il soufflé con un bicchiere di bollicine o un vino bianco tipo Malvasia secca .

Portata principale
cucina italiana

No Reviews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *